La cooperazione si forma a Pavia. Nuovo bando del Master internazionale. Candidature...

La cooperazione si forma a Pavia. Nuovo bando del Master internazionale. Candidature entro il 30 giugno

1348
0
SHARE

Scadono il 30 giugno le iscrizioni alla diciannovesima edizione del Master Universitario Internazionale in Cooperazione allo Sviluppo promosso dall’Università di Pavia, lo IUSS (Istituto Universitario Studi Superiori) di Pavia e da tre Organizzazioni Non Governative: CISP (Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli), COOPI (Cooperazione Internazionale) e VIS (Volontariato Internazionale per lo Sviluppo). Il Master ha il sostegno del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, del Ministero dell’istruzione, Università e Ricerca, della Tavola Valdese e della Fondation Assistance Internationale (FAI).

Il Master, un’eccellenza italiana riconosciuta a livello internazionale, seleziona e forma 30 studenti che intendono diventare esperti in cooperazione internazionale con sbocco nelle organizzazioni non governative,  gli organismi internazionali e le agenzie delle Nazioni Unite, l’Unione Europea, le istituzioni operanti nella cooperazione governativa, o altre associazioni e soggetti non profit che si occupano di Cooperazione Internazionale.
 Il master dura 16 mesi e richiede un impegno a tempo pieno e un’ottima conoscenza dell’inglese, lingua in cui si tengono i corsi.

Dal 1997 ad oggi sono quasi 600 gli studenti formati, dei quali il 17 per cento provengono dall’Europa Occidentale e dagli Stati Uniti, il 6 per cento dai Balcani, il 9 per cento dall’Europa Orientale, il 14 per cento dall’America Latina, il 24 per cento dall’Africa, il 19 per cento dall’Asia e l’11 per cento dal Medio OrienteL’82 per cento degli studenti riesce a trovare un lavoro entro 6 mesi dal diploma.

Le 500 ore di didattica in sede saranno completate da uno stage sul campo del periodo di 3/6 mesi che gli studenti potranno svolgere presso ONG, Organizzazioni Internazionali o altri enti pubblici e privati.

Durante il corso gli studenti acquisiranno competenze essenziali con riferimento alla gestione dei gruppi di lavoro e alle sfide  della comunicazione interculturale, con conseguente rafforzamento delle loro capacità di leadership, coordinamento e negoziazione in ambiente multiculturale.. Gli studenti saranno inoltre seguiti da un tutor nella scelta dello stage ed è il master stesso a procurare, ogni anno, in media circa 50 stages tra cui gli studenti possono scegliere quello che maggiormente ricalca le loro competenze/aspirazioni. Al termine dello stage, gli studenti discuteranno una tesi legata alla loro esperienza pratica o di ricerca. Il programma di studi rilascia 75 crediti secondo lo European Credit Transfer System.

“La cooperazione internazionale è sempre più necessaria per trovare soluzioni intelligenti e durature alle complesse problematiche mondiali e a Pavia ci impegniamo per formare dei professionisti capaci con, competenza e passione, di promuovere lo sviluppo umano – dichiara il professor Gianni Vaggi, direttore del Master.

Il partenariato multi-istituzionale tra le realtà accademiche e gli operatori del settore, il carattere internazionale e multidisciplinare del percorso formativo sono i punti cardine del Master.

E’ inoltre un principio fondante garantire, tramite borse di studio ad hoc, l’accesso al Master a un limitato numero di studenti meritevoli appartenenti a categorie svantaggiate (con disabilità, rifugiati, appartenenti a minoranze etniche o gruppi economicamente vulnerabili).

Infine il Master C&D appartiene ad un network di programmi di studio aventi lo stesso comun denominatore. Questa rete, meglio nota come CDN – Cooperation and Development Network  annovera oltre alla sede di Pavia, anche quelle di  Cartagena de Indias -Colombia, istituita nel 2003, Betlemme-Palestina (2005), Nairobi-Kenya (2013) e Kathmandu-Nepal (2013).

•    Per informazioni e scaricare il bando

http://www.cdnpavia.net 

http://www.iusspavia.it/master_cd

•    PAGINA FACEBOOK DEL MASTER: www.facebook.com/mastercdn

FONTE – VIS

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY