Inaugurata Casa Main, per donne in difficoltà

Inaugurata Casa Main, per donne in difficoltà

1893
0
SHARE

di Laura Galimberti

Macomer, 13 maggio: Casa Main, è la realizzazione di un piccolo sogno, quello delle religiose salesiane.Una casa dove potremo accogliere 6 donne con i loro bambini, fino a 15 persone – ha spiegato Sr. Angela Maria Maccioni, direttrice, durante l’inaugurazione – dotata di tutti gli spazi per la vita quotidiana e la socializzazione. Un opera di aiuto, attenzione e promozione delle donne, soprattutto di quelle che vivono particolari situazioni di disagio, sofferenze  e  problematicità, ragazze italiane e straniere, in attesa di un figlio o con figli minori, che vivono situazioni di difficoltà personale, affettiva o di violenza familiare, che potranno sentirsi a casa e rinascere, riappropriarsi della propria vita e del loro essere mamme, ricostruire rapporti sereni e positivi con i propri figli».

Costruita con il contributo della Caritas italiana tramite un progetto della Caritas diocesana, la struttura – dal nome con cui amiche e famigliari chiamavano la fondatrice delle Figlie di Maria Ausiliatrice, Santa Maria (Main in piemontese) Domenica Mazzarello, quando era giovane – darà il via nel territorio sardo ad una nuova risposta di futuro per tante donne senza speranza, attraverso il lavoro in rete con i servizi del territorio, sinergie e collaborazioni durature e importanti. Tanti i volontari che hanno contribuito ad arredarla, fornendo lettini, culle, giochi, armadi.

Sr. Ines Perra, pedagogista e coordinatrice di Casa Main, presentando la Carta dei Servizi della struttura, ha voluto sottolineare la metodologia educativa e formativa dell’èquipe che lavorerà nella struttura ed ha affermato l’importanza di proporre alle ospiti piccoli progetti possibili per un percorso di ricostruzione della propria vita. 

“Un casa in cui sperimentare accoglienza – ha aggiunto il Vescovo Mons. Mauro Morfino –  perché chi entra mai sia sentito come un problema, ma solo e sempre una persona; per questo Casa Main è aperta a tutte coloro che vorranno percorrere la via della vita”. Un progetto ricco di coraggio e profezia, inserito in una regione che geograficamente, oggi in Italia, è fra quelle che più soffrono disoccupazione, abbandono istituzionale e disagio.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY