Una app contro l’esclusione: Il Paulo Freire Institute di Malta ha lanciato...

Una app contro l’esclusione: Il Paulo Freire Institute di Malta ha lanciato Iċ-Ċavetta un progetto di alfabetizzazione

36
0
SHARE

Finanziato dalla Fondazione Vodafone Malta “Iċ-Ċavetta – Toolkit per l’alfabetizzazione maltese per l’inclusione dell’occupazione e dell’istruzione” è un progetto per giovani e adulti, che fornisce un kit di strumenti per le competenze di alfabetizzazione in maltese. Il kit è finalizzato all’acquisizione di abilità per l’orientamento al lavoro e l’approccio al mondo digitale, per persone che affrontano l’esclusione sociale e le sfide occupazionali.

Il Paulo Freire di Zejtun è l’ong istituita dai gesuiti maltesi per promuovere l’alfabetizzazione e lo sviluppo della comunità.

Il toolkit, la cui preparazione è durata due anni, è strutturato come un corso e contiene una serie di 32 attività interattive – che iniziano a livello elementare e diventano progressivamente più avanzate – per consentire all’utente di acquisire abilità di lettura e scrittura di base in Maltese.

Iċ-Ċavetta è attualmente l’unico strumento esistente destinato all’alfabetizzazione di base in maltese. Si basa su una serie di libri di testo prodotti dal 2008 dal Paulo Freire Institute, frutto dei numerosi anni di lavoro delle ONG nel campo dell’istruzione e dell’alfabetizzazione degli adulti.

Secondo l’ultimo censimento del 2011, ci sono circa 24.000 persone a Malta che non sono in grado di leggere e scrivere.

“Queste persone tendono a restare ai margini e potrebbero non partecipare mai completamente alla società maltese ed europea. Le loro prospettive occupazionali si affievoliscono. L’analfabetismo rende le persone più vulnerabili e inclini a essere sfruttate da altri “, ha affermato p. Edgar Busuttil, direttore dell’Istituto Paulo Freire.

“Siamo fiduciosi che questa app sarà di grande aiuto per quegli adulti e giovani che, per una ragione o per l’altra, hanno difficoltà a leggere e li aiuteranno a partecipare più pienamente alla società maltese”.

Il progetto spiegato in un video

FONTE – GESUITINEWS

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY